Prima della somministrazione contattare un Centro Anti Veleni

Nome Commerciale:

Calcium-Sandoz Forte cpr e bustine Calcio carbonato gluconolattato 500mg - 1000mg

Principio Attivo:

Calcio lattogluconato e calcio carbonato

Formula Chimica:

Ca[HOCH2(CHOH)4COO]2

Forma Farmaceutica:

Compresse solubili effervescenti di calcio lattogluconato e calcio carbonato pari a 500 mg di ione calcio, bustine di granulato effervescente di calcio lattogluconato e calcio carbonato pari a 1 gr di ione calcio

Classificazione IPCS:

  • Antidoto con priorità 2 (CAV), disponibile entro 2 ore [nell’intossicazione da acido fluoridrico, fluoruri e ossalati].

Indicazioni Terapeutiche:

Intossicazioni con ipocalcemia indotta da ingestione di fluoruri* *Indicazione non in Scheda Tecnica per Calcium Sandoz.

Farmacocinetica:

Contiene due sali di calcio che si dissolvono rapidamente in acqua per rendere la forma ionizzata attiva del calcio liberamente disponibile. Assorbimento

Circa il 25–50% della dose ingerita di calcio viene assorbita, principalmente nella parte prossimale del piccolo intestino, e rilasciata nella riserva di calcio scambiabile.

Distribuzione e metabolismo

La componente minerale delle ossa e dei denti contiene il 99% del calcio corporeo. Il rimanente 1% è presente nei fluidi intra ed extra–cellulari.

Circa il 50% del contenuto totale di calcio nel sangue è nella forma ionizzata fisiologicamente attiva, con approssimativamente il 5% complessato a citrato, fosfato o atri anioni. Il rimanente 45% del

calcio sierico è legato a proteine, principalmente albumina.

Eliminazione

Il calcio è escreto nelle urine, feci e sudore. L’escrezione urinaria dipende dalla filtrazione glomerulare e dal riassorbimento tubulare

Meccanismo d'Azione:

I sali di calcio ripristinano i livelli di calcio ionizzato risolvendo gli effetti di tetania muscolare e fibrillazione cardiaca dovuti all’ipocalcemia; si lega rapidamente agli ioni fluoruro e ossalato inibendone l’azione tossica, mentre a livello gastrico ne impedisce l’assorbimento; rimuove gli effetti dell’azione isotropa negativa dei calcio-antagonisti, controbilancia l’azione determinata dall’iperpotassiemia; interrompe il vasospasmo arterioso periferico e la conseguente ischemia determinati da esposizioni cutanee all’acido fluoridrico

Preparazione e Diluizione:

Il contenuto della bustina/la compressa deve essere sciolto in un bicchiere d’acqua e la soluzione ottenuta bevuta immediatamente. Il contenuto può essere assunto con o senza cibo.

Posologia:

  • Adulti: 1-2gr per via orale per l’ingestione di fluoruri e ossalati.
  • Bambini: 0,5-1 gr per via orale per l’ingestione di fluoruri e ossalati.
  • Anziani: non raccomandazioni specifiche.

Precauzioni:

Nei pazienti con ipercalciuria lieve (oltre 300 mg/24 ore o 7,5 mmol/24 ore), o con una storia di calcoli urinari, è richiesto il monitoraggio dell’escrezione di calcio nelle urine. Se necessario, la dose di calcio deve essere ridotta o si deve interrompere la terapia. Si raccomanda un aumento dell’assunzione di liquidi nei pazienti predisposti alla formazione di calcoli nel tratto urinario.

Nei pazienti con insufficienza renale, i sali di calcio devono essere assunti sotto controllo medico con monitoraggio dei livelli sierici di calcio e fosfato.

In corso di terapia ad alto dosaggio e specialmente in caso di trattamento concomitante con vitamina D, esiste un rischio di ipercalcemia con conseguente compromissione della funzionalità renale. In questi pazienti i livelli sierici di calcio devono essere tenuti sotto controllo e deve essere monitorata la funzionalità renale.

Ci sono state segnalazioni dalla letteratura che fanno riferimento ad un possibile aumento dell’assorbimento di alluminio con i sali di citrato.

Calcium Sandoz (che contiene acido citrico) deve essere utilizzata con cautela in pazienti con insufficienza renale molto grave, specialmente in quelli che assumono anche preparazioni contenenti alluminio.

Ciascuna bustina di Calcium Sandoz contiene aspartame, una fonte di fenilalanina e potrebbe essere pericolosa per persone affette da fenilchetonuria

Gravidanza ed Allattamento:

L’apporto giornaliero adeguato (compreso cibo e integrazione) per donne con gravidanza normale e allattamento, è di 1.000–1.300 mg di calcio.

Durante la gravidanza, l’apporto giornaliero di calcio non deve eccedere i 1.500 mg. Quantità significative di calcio sono secrete nel latte materno durante l’allattamento ma non causano effetti avversi al neonato.

In caso di carenza di calcio, Calcium Sandoz granulato effervescente può essere utilizzato durante la gravidanza e l’allattamento.

Controindicazioni:

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Patologie e/o condizioni che comportano ipercalcemia e/o ipercalciuria

Nefrocalcinosi, nefrolitiasi

Effetti Collaterali:

Le reazioni avverse sono riportate di seguito, secondo la classificazione organico sistemica e la convenzione sulla frequenza. La frequenza è definita come: non comune (>1/1.000, < 1/100), rara

(>1/10.000, < 1/1.000) o molto rara (< 1/10.000), inclusi i casi isolati.

Disturbi del sistema immunitario

Rari: ipersensibilità, quali rash, prurito, orticaria.

Molto rari: sono stati segnalati casi isolati di reazioni allergiche sistemiche (reazioni anafilattiche, edema al viso, edema angioneurotico).

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non comuni: ipercalcemia, ipercalciuria.

Disturbi gastrointestinali

Rari: flatulenza, costipazione, diarrea, nausea, vomito, dolore addominale.

Conservazione:

Nessuna particolare istruzione.

Giacenze

Visualizza giacenza per